Skin ADV
Sassari News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Sassari News su YouTube Sassari News su Facebook Sassari News su Twitter
Sassari NewsnotiziesassariCronacaSanità › Sostegno per pazienti Covid e operatori sanitari
Red 9 gennaio 2021
Sostegno per pazienti Covid e operatori sanitari
L’Azienda ospedaliero universitaria di Sassari approva un progetto che vedrà lavorare insieme le strutture di Psicologia ospedaliera, Clinica Psichiatrica e Sorveglianza sanitaria. Assunti cinque psicologi che, coordinati dalle strutture interessate, porteranno avanti l’iniziativa


SASSARI - L'obiettivo è quello di dare sostegno, ascolto quindi assistenza, sul piano psicologico e psichiatrico, ai pazienti affetti da Covid-19, ricoverati nei reparti dell’Azienda ospedaliero universitaria, e agli operatori che da oltre dieci mesi sono in prima linea nella lotta contro il Coronavirus. Perché, oltre a dover fronteggiare la pandemia da Covid, è convinzione degli esperti, sarà necessario dover «fronteggiare anche una pandemia di “distress” emotivo degli operatori sanitari». Ecco allora che l’Aou di Sassari per realizzare questo obiettivo ha approvato il progetto “Piano di emergenza sul benessere psicologico e psichiatrico dei pazienti Covid-19 ed operatori Aou”. Un progetto che vedrà lavorare in maniera congiunta la struttura complessa di Psicologia ospedaliera e del benessere organizzativo diretta da Fabrizio Demaria, la struttura complessa di Clinica Psichiatrica diretta da Liliana Lorettu, e la struttura della Sorveglianza sanitaria diretta da Antonello Serra.

Il piano è stato presentato ieri mattina (venerdì), in videoconferenza e, oltre ai vertici aziendali (il commissario Antonio Spano, il direttore sanitario Bruno Contu e il direttore amministrativo Rosa Bellu), ha visto collegati in diretta i direttori delle tre strutture coinvolte e i direttori dei reparti Covid: Sergio Babudieri (Malattie infettive), Pietro Pirina (Pneumologia), Alessandro Fois (Pneumologia), il coordinatore dei reparti Covid Franco Bandiera, il direttore dell’Oncologia Antonio Pazzola, la direttrice della Geriatria Patrizia Tilocca e Paolo Pinna Parpaglia (Pronto soccorso e Medicina d’urgenza). «Un progetto che la direzione aziendale ha fortemente voluto – ha sottolineato Spano – perché vogliamo fare di più per i nostri operatori e per i nostri pazienti. Perché il dolore che il Covid ha creato lo porteremo con noi per molto tempo». Un dolore che va oltre la malattia da Sars-Cov2, perché «in questi mesi, con la conversione delle strutture in reparti Covid – ha aggiunto Contu – molti non si sono potuti curare e anche questo è un aspetto di grande drammaticità. Adesso dobbiamo programmare per recuperare il ritardo che si è accumulato a causa del Covid».

Il progetto inizierà con una fase pilota della durata di tre mesi, che vedrà gli esperti monitorare le condizioni di salute e di benessere psico-fisico di lavoratori e pazienti di reparti ad alta intensità Covid-19, come il Pronto soccorso, la Medicina d'urgenza e la Rianimazione. Si procederà quindi con la fase di esecuzione, per circa dodici mesi, prima negli altri reparti ad alta intensità Covid-19 e poi nei restanti reparti. Nell'ultima fase, della durata di circa ventiquattro mesi, si effettuerà un monitoraggio costante nel tempo, per migliorare e consolidare gli interventi realizzati. «E' solo un punto di inizio – ha spiegato Demaria – per far fronte allo stress psicofisico e psichico sia del lavoratore che del paziente. Deve diventare un’azione consolidata e consentire una modifica dell’approccio culturale nel prendersi cura delle persone, implementando quello che è stato già fatto». «Un progetto condiviso che nasce anche dalla consapevolezza che – ha sottolineato Lorettu - ci aspettiamo una pandemia di distress emotivo degli operatori, legato alla fatica fisica e alle emozioni messe alla prova. L'auspicio è che gli operatori aderiscano a questo intervento finalizzato a ridurre questa sofferenza».

«L’Azienda – ha precisato Serra – ha voluto potenziare questo tipo di intervento, rendendolo anche più strutturato e mettendo a disposizione più personale. Questo proprio per fronteggiare la situazione emergenziale». Un potenziamento che ha consentito l'assunzione di cinque nuovi psicologi: uno per la Sorveglianza sanitaria (uno già assegnato ad aprile), un altro per la Clinica Psichiatrica, mentre i restanti tre per la struttura di Psicologia ospedaliera. E se la Sorveglianza sanitaria si occuperà più dell'aspetto della prevenzione, operando per un miglioramento delle dinamiche del gruppo di lavoro, cioè dei gruppi di operatori che lavorano nei reparti Covid, dall'altra le strutture di Psicologia ospedaliera e Clinica Psichiatrica si occuperanno dell’aspetto clinico con attività di ascolto e psicoterapia, oltre che di interventi strutturati di tipo psicofarmacologico.
Commenti
16:46
Sono invece 472 i pazienti attualmente ricoverati in ospedale in reparti non intensivi (+8 rispetto al dato di ieri), sono invece 48 (+3) i pazienti in terapia intensiva
22:12
«Il San Francesco è un presidio strategico. Dalla Regione c´è attenzione massima», dichiara l´assessore regionale della Sanità, che ha convocato un tavolo urgente con i commissari straordinari dell´Ares-Ats e dell´Assl di Nuoro, nonché con il direttore di presidio del nosocomio
23/1/2021
I dati sottoposti ai parametri esistenti provengono dalle regioni. Per tale ragione stupisce lo stupore rappresentato dalle istituzioni regionali sarde, o più precisamente da alcune di esse, avendo letto delle spiegazioni più credibili fornite dall’assessore competente
23/1/2021
Da domenica 24 gennaio la Sardegna è zona arancione. Così prevede l’ordinanza del ministero della Salute, Roberto Speranza, firmsata nella giornata odierna. Nuove restrizioni per bar, ristoranti e spostamenti
23/1/2021
Individuato nuovo cluster di positività in Medicina Interna. Immediato l´intervento dell´Azienda ospedaliero universitaria: quattordici positivi tra i pazienti, nessun operatore contagiato. In Clinica Medica cluster isolato e concluso il periodo di osservazione
23/1/2021
Lo ha dichiarato il Presidente della Regione, Christian Solinas, che parla di paradosso. «Oggi tutti gli indicatori consentono di mantenere la Sardegna in zona gialla»
16:56
Calano ancora i positivi ad Alghero. Rispetto a giovedì scorso 20 casi in meno, ma salgono i ricoveri. Nessuna novità invece dall´Ats sullo screening nelle scuole
9:35
L'assessore regionale alla Sanità, il leghista Mario Nieddu, chiede la revoca dell'ordinanza che dispone la zona arancione, ma dal Ministero filtrano indiscrezioni poco rassicuranti. Tutti i dati spediti a Roma dalla Regione Sardegna
23/1/2021
Il Comune ha reso noti i numeri dell´emergenza epidemiologica nel suo territorio. Dall´aggiornamento settimanale sui contagi, risulta che si registrano cinquantanove casi positivi, mentre sono diciassette le persone che si trovano in stato di quarantena
23/1/2021
Il presidente del Consiglio regionale Michele Pais contesta il probabile passaggio della Sardegna in zona arancione dalla giornata di domenica, a causa del peggioramento dei dati sul contagio e la diffusione della pandemia su scala regionale
9:20
Sabato mattina, il sindaco di Alghero Mario Conoci ha ricevuto negli uffici di Porta Terra il rappresentante territoriale dell´Unione italiana dei ciechi e degli ipovedenti Franco Santoro. L´Amministrazione comunale collabora con l´Uici
24/1/2021
Trenta posti in una superficie di 1300metri quadri nella Stecca bianca di Viale San Pietro, a Sassari. «Darà una risposta forte nella lotta contro il Coronavirus», dichiara il commissario straordinario dell´Aou Sassari Antonio Lorenzo Spano. «Rappresenta la sintesi degli sforzi assistenziali e consentirà agli anestesisti della nostra Scuola un´alta specializzazione», rilancia il direttore di Anestesia e rianimazione Pier Paolo Terragni
23/1/2021
«Anche nel nord Sardegna è opportuno vaccinare subito i volontari della Protezione civile e del 118 e tutte le categorie che sono in prima linea nell´emergenza sanitaria». E´ quanto chiede il consigliere regionale dei Progressisti Antonio Piu in un´interrogazione all´assessore alla Sanità
30/12/2020
496 i pazienti attualmente ricoverati in ospedale in reparti non intensivi (due in meno rispetto al dato di ieri), mentre è di 44 (-1) il numero dei pazienti in terapia intensiva
29/12/2020
Sono stati 2.489 i test effettuati nelle ultime ventiquattro ore. Salgono di una unità sia il numero dei ricoverati in reparti non intensivi, sia in quelli intensivi. Duecento i nuovi guariti


Hosting provider Aruba S.p.A. Via San Clemente, 53 - 24036 Ponte San Pietro (BG) P.IVA 01573850516 - C.F. 04552920482

© 2000-2021 Mediatica SRL - Alghero (SS)