Skin ADV
Sassari News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Sassari News su YouTube Sassari News su Facebook Sassari News su Twitter
Sassari NewsnotiziealgheroPoliticaServizi › Rifiuti: Isole a Sant´Anna e Calabona
Cor 15 ottobre 2020
Rifiuti: Isole a Sant´Anna e Calabona
Si tenta di correre ai ripari ad Alghero sul fronte della nettezza urbana. Gravi ed evidenti i problemi a cui l´Amministrazione cerca di porvi rimedio: ecco le novità dell´assessorato gestito da Andrea Montis (Riformatori Sardi)


ALGHERO - Si tenta di correre ai ripari ad Alghero sul fronte della nettezza urbana. Autorizzata con provvedimento unico 2690 dell'Amministrazione Comunale la realizzazione dell'oasi ecologica in località Sant'Anna. La società di gestione dovrà ora provvedere alla sua realizzazione in tempi celeri. «La costruzione dell'Isola in questione potrà rispondere alle giuste richieste dei residenti che in questi anni hanno lamentato la presenza di rifiuti che a causa della mancanza di una delimitazione fisica finivano per disperdersi nelle zone circostanti con conseguenze rilevate più volte» precisa l'assessore Montis. «Va avanti anche l'iter per la realizzazione dell’Isola nella zona di Calabona Argentiera, dove i punti di raccolta esistenti furono individuati in terreni non nella disponibilità dell'Amministrazione e per cui si stanno individuando diverse aree anche con la collaborazione dei residenti».

Dopo un lungo tira e molla ben evidenziato su Alguer.it, verrà rimossa in questi giorni l'isola informatizzata del Piazzale della Pace, che proprio nel mese di giugno fu asportata per un ultimo tentativo di manutenzione. Riposizionata nello stesso punto, è rimasta in servizio pochissimo tempo a seguito dell'ennesima rottura dovuta al cattivo uso della stessa da parte delle utenze. «Gli interventi, ripetuti e costosi, sono a carico dell’Amministrazione, dato che a suo tempo furono prese in carico con questa clausola. Un aspetto insostenibile del servizio che Amministrazione non può più affrontare» precisa Montis. «Nonostante i tentativi di raddrizzare la situazione, l’insostenibilità di quel tipo di servizio è dunque ormai certificata – ammette l’Assessore all’Ambiente - mentre hanno funzionato bene le isole itineranti in giorni e orari prefissati. Tale servizio è infatti andato avanti senza alcun problema riscontrando per contro un alto gradimento da parte dei cittadini per tutta l'estate e permettendo di rimuovere due grandi punti di accumulo incontrollato quali erano Via De Curtis e Via De Gasperi»”.

Per questo motivo l'Amministrazione sta valutando soluzioni alternative anche per l'isola di Viale Europa. La struttura potrebbe essere sostituita come per quella del Piazzale della Pace, da un’isola itinerante che verrà posizionata e rimossa in giornate e orari prefissati. «L'esigenza delle isole infatti nasceva originariamente per accompagnare gli utenti verso il passaggio al porta a porta e per soddisfare le esigenze di quei cittadini o turisti che in via del tutto emergenziale avessero avuto necessità di conferire frazioni di rifiuti extra rispetto alle giornate stabilite dal calendario», aggiunge Montis.

«Purtroppo, nel tempo, la presenza delle stesse isole ha rappresentato invece un alibi e un abitudine per tutti quei cittadini che, se pur forniti del servizio di ritiro a domiciliare, hanno deliberatamente continuato a conferire giornalmente presso i cassonetti, spesso anche in maniera indifferenziata, cosi come dimostrato dalle numerose sanzioni elevate sia dalla Polizia Municipale che dalla Compagnia Barracellare. Il servizio principale e a cui tutti, comprese quelle zone dell'agro che si sono adeguate e le prossime che si adegueranno, devono far riferimento è quello del porta a porta, diversamente ci sarebbe da pensare che in troppi guardano in maniera nostalgica alla presenza innumerevole di cassonetti in città mal digerendo quella che ritengo sia stata una scelta adeguata nei tempi. Le esigenze extra saranno quindi soddisfatte purché siano tali restando inteso che i servizi extra non possono diventare alibi per quei cittadini che, a discapito dei tanti che invece rispettano le regole e hanno consentito di raggiungere percentuali di differenziata prossime al 70%, non vogliono ancora adeguarsi», conclude l'Assessore.
Commenti


Hosting provider Aruba S.p.A. Via San Clemente, 53 - 24036 Ponte San Pietro (BG) P.IVA 01573850516 - C.F. 04552920482

© 2000-2020 Mediatica SRL - Alghero (SS)