Skin ADV
Sassari News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Sassari News su YouTube Sassari News su Facebook Sassari News su Twitter
Sassari NewsnotiziealgheroCronacaSanità › «Situazione grave in Medicina ad Alghero»
Red 1 aprile 2020
«Situazione grave in Medicina ad Alghero»
«In mancanza di iniziative in merito il comparto infermieristico si riserva di intraprendere le opportune iniziative legali» La segretaria territoriale della Fsi-Usae Mariangela Campus ha inviato una lettera ai vertici sanitari provinciali e locali per denunciare la situazione, conseguente alla rilevazione di un paziente positivo nel Reparto algherese


ALGHERO - Situazione grave ed esplosiva nell'ospedale Civile di Alghero. Tanto che la segretaria territoriale della Fsi-Usae, Mariangela Campus, ha inviato una lettera-denuncia al direttore dell'Assl Sassari e responsabile dell'Area Crisi Mocci, al direttore del Dipartimento Igiene e sanità pubblica di Sassari Delogu, al direttore dello Spresal di Sassari Masia, al direttore sanitario del Presidio ospedaliero di Alghero Cossu ed alla responsabile facente funzioni dell'Unità ospedaliera di Medicina di Alghero Bifulco.

Occhi puntati sulla situazione che sta interessando l’Unità ospedaliera Medicina, dovuta al caso di positività per Covid-19 riscontrato nella nottata del 30 marzo 2020 [LEGGI] in una paziente ricoverata in reparto dal giorno 17 marzo. «La paziente in questione - denuncia la sindacalista - non è stata posta in isolamento ma si trovava in una stanza con altre tre pazienti, inoltre essendo autonoma ha deambulato in autonomia lungo tutto il reparto».

«Tutti gli operatori del Reparto – sottolinea Campus - hanno prestato assistenza alla stessa dotati delle sole mascherine chirurgiche, come da disposizioni di presidio e di reparto che obbligano all'utilizzo della maschera Ffp2 solo ed esclusivamente in caso di paziente sospetto. Dopo il riscontro di positività per Covid-19 nessun operatore è stato sottoposto a screening con tampone, non è stato predisposto un piano di sanificazione degli spazi comuni, né la riorganizzazione del reparto per eventuale spostamento degli altri degenti. Al contrario, i Cpsi e tutto il personale hanno continuato a lavorare in condizioni di sicurezza alquanto dubbie per la propria incolumità e quella degli altri degenti».

Per questo, la Fsi-Usae chiede al servizio deputato alla prevenzione e sicurezza dei lavoratori «un immediato intervento per una gestione appropriata della situazione a tutela di tutti i lavorati, che vengano effettuati i tamponi a tutto il personale che è entrato in contatto con il paziente positivo, che vengano forniti i Dpi necessari previsti dalla normativa di cui all’art.2087 c.c. e D.lgs 81/2008 e che si proceda alla creazione di un protocollo da utilizzare nel caso in cui venga riscontrato positivo un degente di modo da salvaguardare sia gli altri pazienti che tutti i dipendenti. In mancanza di iniziative in merito – conclude la missiva - il comparto infermieristico si riserva di intraprendere le opportune iniziative legali».
Commenti
21:06
E´ il dato aggiornato ad oggi in Sardegna dove, in totale, sono stati eseguiti 53.294 test. I casi accertati ad oggi salgono però a 1.355, per l´inserimento di un caso verificatosi a marzo nella Città metropolitana di Cagliari e non conteggiato precedentemente. I pazienti ricoverati in ospedale sono in tutto quarantatre, di cui due in terapia intensiva. I decessi restano 130
25/5/2020
«Meno igienici, se non cambiati di frequente. Molto meglio lavarsi o igienizzarsi spesso le mani», dichiara il sindaco Settimo Nizzi, che annuncia di aver anticipato «di qualche giorno le aperture domenicali e festive delle attività: da oggi potranno osservare il loro normale orario e restare aperte già da domenica 30 maggio, così come il 2 giugno»
26/5/2020
I decessi aumentano in seguito alle verifiche che hanno portato all´inserimento di un decesso avvenuto ad aprile e non conteggiato precedentemente. Nessun caso di positività registrato nelle ultime settantadue ore. E´ il dato aggiornato ad oggi in Sardegna dove, in totale, sono stati eseguiti 51.968 test. I pazienti ricoverati in ospedale sono in tutto quarantatre, di cui due in terapia intensiva
26/5/2020
Si conferma al 3percento l´incidenza dei positivi nella popolazione sanitaria che ha effettuato lo screening. L´Azienda ospedaliero universitaria ha scelto di precisare la situazione contro dubbi e false notizie diffuse sui social network
26/5/2020
«La prevalenza dei positivi tra gli operatori è inferiore alla media nazionale. Vincenti le strategie adottate nel tempo», dichiarano dagli uffici dell´Azienda ospedaliero universitaria di Sassari
12:08
Ieri mattina, nella struttura, il sindaco ha incontrato il direttore del Distretto socio sanitario delle isole facente funzioni. Continuità con la medicina di base, funzionamento del punto unico di accesso ed integrazione delle politiche sociali con i servizi di medicina di base e territoriale tra gli argomenti discussi
25/5/2020
All´incontro, organizzato nella Sala Angioy della Provincia di Sassari, il commissario dell´Azienda ospedaliero universitaria Giovanni Maria Soro ha illustrato le strategie per l´apertura graduale dei reparti e degli ambulatori
26/5/2020
I consiglieri regionali del Partito democratico hanno presentato un documento sulla necessità che, con l´avvio della Fase 2, si provveda «con urgenza alla definizione di trattamento e accoglienza dei turisti asintomatici Covid-positivi, comunque costretti alla quarantena, e dei cittadini sardi che, nelle stesse condizioni, abitassero in case non idonee all´isolamento e sulla necessità di riorganizzazione di tutta la rete ospedaliera, nonché degli spazi e dei percorsi negli ospedali e nei pronto soccorso»
25/5/2020
«La ripresa delle attività svolte da questi centri – spiega l´assessore regionale della Sanità Mario Nieddu – è di grande importanza sia per gli utenti, sia per le loro famiglie. Lo stop, reso necessario per favorire l´isolamento e abbattere la circolazione del virus, ha inciso profondamente sulla qualità della vita delle persone, in particolare dei soggetti più fragili»


Hosting provider Aruba S.p.A. Via San Clemente, 53 - 24036 Ponte San Pietro (BG) P.IVA 01573850516 - C.F. 04552920482

© 2000-2020 Mediatica SRL - Alghero (SS)