Skin ADV
Sassari News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Sassari News su YouTube Sassari News su Facebook Sassari News su Twitter
Sassari NewsnotiziecagliariCronacaCronaca › Lavoratori in nero: pizzicati in cinque
Red 16 febbraio 2020
Lavoratori in nero: pizzicati in cinque
Continua l’attività della Guardia di finanza di Cagliari a contrasto del lavoro nero ed irregolare, impegno che, negli ultimi giorni, si è concretizzato nella conclusione di tre interventi ispettivi con l´individuazione di cinque lavoratori privi della regolare contrattualizzazione in più unità lavorative della provincia


CAGLIARI - Continua l’attività della Guardia di finanza di Cagliari a contrasto del lavoro nero ed irregolare, impegno che, negli ultimi giorni, si è concretizzato nella conclusione di tre interventi ispettivi con l'individuazione di cinque lavoratori privi della regolare contrattualizzazione in più unità lavorative della provincia. Un primo intervento ha riguardato un'autofficina di Quartu Sant'Elena. Entrati nell'officina, i militari hanno identificati tutte le persone al lavoro. I successivi approfondimenti hanno fatto emergere che tre di loro operavano “in nero”. Dall’esame della documentazione acquisita, è emerso che uno dei tre lavorava dal 2014, mentre gli altri due sono risultati impiegati dal dicembre 2019. Per questo, il titolare dell’attività commerciale, oltre ad essere stato diffidato a regolarizzare la posizione dei tre lavoratori irregolarmente impiegati, è stato destinatario di sanzioni amministrative pari, nel massimo, a 64.800euro.

A queste, si è aggiunta un’ulteriore sanzione (compresa tra i 4.320 ed i 25.920euro), in quanto uno dei tre è risultato essere inserito all’interno di un nucleo familiare che beneficia del Reddito di cittadinanza. Nel corso degli approfondimenti, è emerso che i tre hanno ricevuto le retribuzioni degli ultimi due mesi in contanti, modalità non consentita dalla Legge di bilancio del 2018, che ha imposto, dal primo luglio 2018, l’obbligo di pagamento delle retribuzioni con modalità tracciabili: per questa violazione, il datore di lavoro è stato destinatario altresì di una sanzione amministrativa compresa tra un minimo di mille ed un massimo di 5mila euro.

Un secondo intervento, in un negozio di abbigliamento nell’hinterland di Iglesias, ha portato alla rilevazione di un lavoratore in nero. Visto chr il periodo di lavoro in nero accertato è stato inferiore ai trenta giorni, è stata irrogata al datore di lavoro una sanzione amministrativa compresa tra i 1.800 ed i 10.800euro. Inoltre, è stato rilevato che il datore di lavoro ha corrisposto ad altri due lavoratori, regolarmente assunti, le retribuzioni indicate in busta paga in contanti: è scattata, anche in questo caso, la sanzione amministrativa da mille a 5mila euro. Infine, visto che il personale in nero individuato è risultato essere in misura superiore al 20percento del totale dei lavoratori presenti, il titolare del negozio è stato segnalato all'Ispettorato territoriale del lavoro per l’applicazione del provvedimento di sospensione dell’attività imprenditoriale.

Un ultimo intervento è stato condotto in un’attività di ristorazione a Villaputzu. Il controllo ha consentito di rilevare che il lavoratore risultava essere privo di qualsiasi regolarizzazione formale del rapporto di impiego, sia sotto il profilo contributivo, sia assicurativo. Il titolare, oltre alla diffida a regolarizzare la posizione lavorativa del dipendente, ha ricevuto, anche in questo caso, una sanzione amministrativa da un minimo di 1.800 ad un massimo di 10.800euro. Con questi, sono complessivamente otto i lavoratori in nero scoperti dall’inizio dell’anno, mentre in tutto il 2019 le Fiamme gialle cagliaritane, in 501 controlli, hanno scoperto 101 lavoratori in nero e 322 irregolari, con la verbalizzazione di sessantuno datori di lavoro.
3/4/2020
Tredici controlli agli esercizi commerciali e 171 controlli alle persone, con una sola violazione accertata, ancora una volta di una coppia che si muoveva insieme in auto. Questo il bilancio dell´attività della Polizia locale, che anche ieri ha pattugliato tutto il territorio per assicurare il rispetto della normativa in materia di contrasto al Covid-19
3/4/2020
Il titolare di un´attività aperta ha dichiarato che stava operando in regime di “deroga”, visto che la sua azienda produceva mascherine facciali ad uso medico. L’approfondimento del controllo ha però evidenziato che la società non solo non stava producendo e commercializzando mascherine chirurgiche, ma che risultava sprovvista di alcuna autorizzazione della locale Prefettura che consentisse l’operatività in deroga alle attuali disposizioni vigenti
19:18
Ieri, sono stati effettuati 938 controlli: 313 sono stati effettuati nell’area di Cagliari, sessantasei ad Iglesias, ottantadue ad Oristano, 146 a Sassari, 103 a Tempio Pausania, 163 a Nuoro e sessantacinque a Lanusei, con undici persone sanzionate
2/4/2020
Nello scalo di Porto Torres, sono stati controllati trentacinque passeggeri e quindici veicoli in arrivo da Civitavecchia, quaranta persone con dieci auto provenienti da Barcellona e sei passeggeri che erano a bordo della nave da Genova


Hosting provider Aruba S.p.A. Via San Clemente, 53 - 24036 Ponte San Pietro (BG) P.IVA 01573850516 - C.F. 04552920482

© 2000-2020 Mediatica SRL - Alghero (SS)