Skin ADV
Sassari News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Sassari News su YouTube Sassari News su Facebook Sassari News su Twitter
Sassari NewsnotiziesassariCronacaSanità › Giornata mondiale prematurità: Provincia in viola
Red 16 novembre 2019
Giornata mondiale prematurità: Provincia in viola
Domenica sera, l´edificio di Piazza d´Italia sarà illuminato per celebrare la ricorrenza istituita nel 2008, che anche quest´anno, vede l´adesione della Neonatologia, Tin e Nido dell´Azienda ospedaliero universitaria di Sassari


SASSARI – L'obiettivo è mettere i neonati pretermine al centro del futuro e assicurare loro una continuità assistenziale, quindi una frequenza di accertamenti sanitari almeno sino all'età prescolare. Il piccolo prematuro, infatti, ha necessità di essere seguito in strutture specializzate, come le Neonatologie e Terapie intensive neonatali, ben oltre i primi tre anni di vita. Sono questi i temi sui quali si concentra la “Giornata mondiale della prematurità 2019”, che ricorre il 17 novembre ed alla quale, anche quest'anno, aderisce la Neonatologia, Tin e Nido dell'Azienda ospedaliero universitaria di Sassari.

La ricorrenza è stata istituita nel 2008 dalla European foundation for the care of newborn infants, che ha così acceso i riflettori sulla problematica dei bambini “nati troppo presto” (born too soon. Grazie al patrocinio del Comune di Sassari, alla disponibilità della Provincia di Sassari ed al contributo gratuito della ditta Antonio Sisto, la struttura diretta da Giorgio Olzai, domenica 17 novembre, farà illuminare la facciata dello storico palazzo di Piazza d'Italia, colorandola di viola. La stessa iniziativa avverrà, contemporaneamente, in altri Comuni della Penisola e del resto d'Europa, dove saranno illuminati di viola edifici e monumenti. Gli obiettivi della giornata sono quelli di sensibilizzare le Istituzioni, i professionisti e la popolazione sul tema dei neonati pretermine, richiamare il valore dell'assistenza e sottolineare l'importanza della prevenzione dei fattori di rischio che possono favorire il verificarsi della prematurità.

«È importante sapere – afferma il direttore Olzai – che i bambini nati pretermine presentano elevati rischi di esiti a distanza in ambito neurosensoriale, cognitivo e respiratorio. Ecco perché, è opportuno avviare un monitoraggio costante e accurato delle varie fasi del loro sviluppo, anche con l'azione di particolari protocolli». Protocolli che devono prevedere una serie di azioni di follow up e monitoraggio che vedono protagonisti numerosi professionisti. Una vera e propria équipe multidisciplinare composta da un appropriato organico medico-infermieristico: neonatologo, infermiere e neuropsichiatra infantile, ai quali possono aggiungersi anche il fisioterapista, lo psicologo e il neuropsicomotricista e ancora il logopedista, il fisiatra, il pediatra. Secondo i dati a disposizione del Ministero della Salute, in Italia i neonati pretermine costituiscono il 10percento delle nascite totali ed incidono sulla mortalità neonatale per il 50percento e su quella infantile per il 40 percento, con un forte impatto sul Sistema sanitario nazionale.

Si tratta di bambini nati prima della 37esima settimana di gestazione che, fin dai primi istanti di vita, hanno bisogno di terapie intensive neonatali adeguate, poiché non hanno ancora maturato del tutto organi ed apparati e non sono ancora capaci di adattarsi alla vita fuori dal grembo materno. E se ancora non sono spiegati i motivi di molte nascite pretermine (secondo gli esperti di Epicentro, il Centro nazionale per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute dell'Istituto superiore di sanità), nei Paesi ad alto reddito il loro incremento risulta associato all'aumento dell'età materna al parto, al maggiore ricorso alle tecniche di procreazione assistita con conseguente maggiore frequenza di gravidanze gemellari e, in alcuni Paesi, ai tagli cesarei effettuati prima della 38esima settimana di gestazione. Il tasso di sopravvivenza per i neonati prematuri è, per fortuna, in continuo miglioramento grazie ai progressi compiuti dalla scienza.
Commenti
11:26
«Le carenze del sistema sanitario nell´Isola di San Pietro non sono più tollerabili. La Regione intervenga subito», dichiara il consigliere regionale del Movimento 5 stelle
28/3/2020
Per spiegare la situazione e non allarmare familiari e concittadini sassaresi, la Direzione della struttura di Via Piandanna 4 ha dichiarato che al manifestarsi dei primi sintomi, gli ospiti sono stati isolati, seguendo le linee guida regionali
9:37
«L´assessore non sapeva? Nieddu si dimetta per il bene dei sardi», chiedono i portavoce nazionali del Movimento 5 stelle Alberto Manca, Ettore Licheri, Paola Deiana, Mario Perantoni, Nardo Marino, Pino Cabras, Lucia Scanu, Luciano Cadeddu, Elvira Evangelista, Emiliano Fenu ed Emanuela Corda
27/3/2020
I direttori dell´Azienda ospedaliero universitaria di Sassari ringraziano il personale per il coraggio e la generosità dimostrata in questo periodo di grande emergenza. Inviata una lettera ai dipendenti ed ai direttori di struttura
22:16
E´ il commento del primo cittadino di Illorai Titino Cau, che a proposito della decisione di ieri annunciata dal premier Giuseppe Conte prosegue: «4,3miliardi da Roma? E´ una presa in giro nei confronti dei Comuni e dei nostri cittadini in difficoltà»
21:04
Il partito chiede al presidente della Regione autonoma della Sardegna ed a tutti i sindaci dell´Isola maggior attenzione in questo momento di emergenza sanitaria, che si sta trasformando in emergenza sociale
16:10
I consiglieri regionali del Partito democratico, primo firmatario il capogruppo Gianfranco Ganau, chiedono alla Regione autonoma della Sardegna di intervenire con urgenza sulla modifica dei requisiti per le prestazioni di riabilitazione globale territoriale, per le prestazioni assistenziali a persone con disabilità fisica, psichica e sensoriale, e sulla ridefinizione delle tariffe
27/3/2020
A dare la comunicazione sul nuovo decesso il sindaco di Santa Teresa di Gallura. Le altre due vittime erano originarie di Monti e di Trinità d’Agultu e Vignola.
18:35
Articolo aggiornato in tempo reale con l'evolversi dei contagi da CoronaVirus in Sardegna. Dei malati, 105 sono ricoverati in ospedale, mentre 454 sono in isolamento domiciliare. In totale, nella regione sono stati eseguiti 4598 test.
27/3/2020
Nonostante le richieste, dalla Regione non vengono forniti i dati ufficiali sull´emergenza Covid profilati per comune. Un fatto abbastanza grave e inusuale, che espone le redazioni e priva tutti i cittadini di informazioni essenziali in momenti tanto delicati. Il caso Alghero
28/3/2020 video
A Porto Torres i casi di cittadini positivi sono sei. Altre 16 persone in quarantena obbligatoria. «Oggi è arrivato il documento ufficiale con i dati relativi a Porto Torres. In totale contiamo sei casi accertati di positività al Covid-19. Altre sedici persone che hanno avuto contatti stretti con casi confermati di malattia sono sottoposte al regime di quarantena»
28/3/2020
Il presidente della Regione autonoma della Sardegna Christian Solinas annuncia le 586 assunzioni straordinarie di personale sanitario in Sardegna, tra infermieri (il 47percento del totale), medici e specializzandi (il 16 e l’8percento), oss, tecnici di laboratorio ed altre figure (il restante 29percento)
29/3/2020
«A distanza di quasi un mese da quando è esplosa anche in Sardegna l’emergenza sanitaria legata al Covid-19, negli ospedali e nelle Aziende sanitarie sarde vengono date agli operatori disposizioni errate, fuorvianti e totalmente contrarie al buon senso», dichiara la deputata del Movimento 5 stelle Mara Lapia
28/3/2020 video
Il consigliere comunale del Gruppo X Alghero Pietro Sartore, a nome di tutto il Centrosinistra cittadino ribadisce la necessità che la Regione autonoma della Sardegna fornisca i dati precisi sull'andamento dell´epidemia di Covid-19 Comune per Comune e, in particolare, viene richiesto che vengano resi noti i dati relativi ad Alghero
14:06
«I maddalenini figli di un Dio minore? Non c´è più tempo, la Regione risponda», chiede il consigliere regionale del Movimento 5 stelle, che punta l´attenzione sul nosocomio de La Maddalena
28/3/2020
Sono stati attivati dall´Azienda ospedaliero universitaria di Sassari servizi sia dalla Struttura di Psicologia ospedaliera, sia dall’Unità operativa Psichiatrica
29/3/2020
Nosocomio nuorese sempre in prima linea contro il virus. «Un’arma in più per combattere la diffusione del virus in Sardegna», commenta il consigliere regionale della Lega Pierluigi Saiu, presidente della commissione Autonomia e riforme
28/3/2020
Lo assicura il sindaco di Alghero, Mario Conoci. «Le nostre pressanti richieste iniziano a dare i primi frutti, dai sindaci della Sardegna è arrivato un contributo importante all´accordo che sarà definito e reso noto a livello nazionale»
28/3/2020
Sarà operativo dalla giornata odierna - sabato 28 marzo - dalle ore 8 alle 20 il numero verde dedicato a tutti i sindaci sardi per comunicare con la struttura di emergenza al coronavirus
27/3/2020
«E´ operativo presso la base aerea di Decimomannu un elicottero HH-212 adibito per il trasporto aereo in bio-contenimento, attività svolta dell’Aeronautica militare quale concorso alle operazioni di trasferimento per emergenza sanitaria», ha dichiarato ieri il sottosegretario alla Difesa Giulio Calvisi


Hosting provider Aruba S.p.A. Via San Clemente, 53 - 24036 Ponte San Pietro (BG) P.IVA 01573850516 - C.F. 04552920482

© 2000-2020 Mediatica SRL - Alghero (SS)