Skin ADV
Sassari News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Sassari News su YouTube Sassari News su Facebook Sassari News su Twitter
Sassari NewsnotizieportotorresPoliticaOpere › Recuperata la torre di Capo Falcone
Red 14 dicembre 2019
Ripristinate le scale, le mura, l´accesso al tetto e posizionati i parapetto. Adesso, l´Amministrazione comunale punta a recuperare l´ex casa matta, poco distante dalla costruzione aragonese, per farla diventare una foresteria
Recuperata la torre di Capo Falcone


STINTINO - La torre di Capo Falcone si è rifatta il look. Sono terminati, infatti, i lavori di restauro conservativo e messa in sicurezza della torre aragonese che svetta sul promontorio che domina il golfo dell'Asinara. A disposizione per i lavori l'Amministrazione comunale aveva poco meno di 100mila euro. Adesso si punta a recuperare la ex casa matta, parte del compendio di Capo Falcone. Gli interventi sono serviti a mitigare i processi di degrado e dissesto avvenuti negli anni, che hanno portato a distacchi e crolli, anche importanti, di molte parti della struttura originaria.

Lo scorso inverno era crollata la garitta costruita sul tetto della torre ed il maltempo aveva anche provocato la caduta dell'architrave della porta d'ingresso, oltreché della muratura sovrastante. La ditta incarica dei lavori, la Serf Costruzioni, ha ripulito la copertura dai detriti, poi ha creato una chiusura in acciaio e vetro, sono stati recuperati i merli sporgenti. Le mura esterne, che si presentavano dilavate e sgretolate, sono state recuperate. Le scale sono state messe in sicurezza, rese accessibili la porta d'ingresso rinforzata in acciaio corten così da ripristinare l'architrave. Sono state ripristinate e rinforzate le scale esterne e rifatte quelle interne che conducono al tetto, dove sono stati posizionati anche dei parapetti in acciaio.

«Grazie all'accordo con il Demanio dello Stato, con il dottor Giovanni Zito, e alla fattiva collaborazione con la Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Sassari e Nuoro, nella persona della dottoressa Daniela Scudino – afferma il sindaco di Stintino Antonio Diana – siamo riusciti a recuperare un bene di grande rilevanza per il nostro territorio. La torre, per la sua posizione nel vertice del triangolo del Santuario dei cetacei, può essere considerata anche un punto di osservazione privilegiato. Si trova, inoltre, all'interno di un'area Sic rilevante per le biodiversità e dove lo spettacolo delle falesie del mare di fuori rendono unico questo territorio che merita di essere salvaguardato e diventare patrimonio dell'Unesco, assieme alla Pelosa».

«Prosegue il nostro progetto di recupero del compendio di Capo Falcone – afferma l'assessore comunale ai Lavori pubblici Antonella Mariani – e per noi è un orgoglio aver dato una seconda vitalità alla storica torre che guarda il nostro territorio. E adesso punta a recuperare la “casa matta“ un tempo della Marina, poco distante dalla torre». Qui, l'Amministrazione comunale vuole realizzare una foresteria, un punto di ristoro per i numerosi turisti, e non soltanto, che ogni anno percorrono la strada per arrivare in cima al promontorio. A disposizione ci sono i fondi della Rete metropolitana, circa 330mila euro, che consentiranno anche di recuperare la strada di accesso.
Commenti
15:12
Ricorso ai giudici amministrativi contro il diniego del Ministero per i beni e le attività culturali sul progetto di completamento della strada Sassari-Alghero. La Regione sceglie di affiancare al confronto politico anche quello giudiziario, per difendere un´opera considerata strategicamente fondamentale
16/1/2020
Ora che i tecnici del Mibact ribadiscono la loro contrarietà al fatto che l´arteria venga ultimata a 4 corsie attendiamo di capire se, davanti a questa vertenza di importanza vitale per il futuro del nostro territorio, il sindaco vorrà, finalmente, far sentire la sua voce in rappresentanza della nostra città
15/1/2020
Il presidente del Consiglio regionale Michele Pais esprime disappunto sul parere negativo del Ministero dei beni culturali. «Giudizio affrettato. Una beffa per il nostro territorio»¸ dichiara il politico algherese
16/1/2020
Il Comune chiede al Ministero dell´Interno contributi per la progettazione di lavori di manutenzione straordinaria sul Rio Giuncheddu, sul Ponte Rosello e sul Viadotto Don Sturzo, per un totale di 527.720euro
16/1/2020
Ora, nonostante il parere favorevole da parte della Regione Sardegna e dei Lavori pubblici, una nuova battuta d´arresto e un’altra occasione mancata, con il serio rischio di trasformarsi in un’eterna incompiuta, per la realizzazione di un´arteria importante per tutti i collegamenti, ad esempio per l´aeroporto, ma fondamentale per lo sviluppo di tutto il territorio
15/1/2020
Il Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo ha espresso parere negativo alla dichiarazione di compatibilità ambientale ed all´approvazione del Progetto definitivo della Sassari-Alghero. E' la seconda volta che succede
16/1/2020
«La quattro corsie si deve fare, perché diversamente saremmo di fronte ad una delle più clamorose sconfitte della politica isolana e dei suoi esponenti, che finirebbero per per perdere l’ultimo barlume di credibilit໸ dichiara il capogruppo dei Riformatori sardi nel Consiglio comunale di Alghero Alberto Bamonti
16/1/2020
Per i prossimi giorni, promuoverò la convocazione dei Consigli comunali di Alghero, Sassari e dei Comuni del territorio, aperte alla partecipazione dei rappresentanti della Regione autonoma della Sardegna e dei parlamentari sardi per invitando all’unità l’intera classe politica sarda intorno ad un problema che riguarda non solo il nostro territorio ma tutta la Sardegna
15/1/2020
«Intendiamo promuovere un’iniziativa di protesta con presidi e manifestazioni inviando, al contempo, una nota di protesta al presidente Conte invitandolo ad un visita, nel corso del quale possa ascoltare direttamente la voce delle comunità interessate»¸ dichiarano Aldo Salaris e Vincenzo Corrias, coordinatore regionale e provinciale del partito
16/1/2020
Sulla quattro corsie serve una nuova mobilitazione popolare e istituzionale. Questa volta, però, unitaria: nessuno si tiri indietro, come in passato. Qui c’è in gioco lo sviluppo del nostro territorio e nessuno può permettersi di non usare il buon senso e di utilizzare invece pretesti come i dati di traffico insufficienti, già smentiti dall’Anas, o il Ppr, entrato in vigore successivamente alla progettazione della Alghero-Sassari, come la stessa Regione e perfino il Ministero delle Infrastrutture e lo stesso Mibact, non più tardi di un anno fa, hanno ribadito
15/1/2020
Al via una serie di interventi, anche di manutenzione straordinaria, tesi a garantirne la percorribilità in sicurezza e con l’eliminazione dei passaggi a livello per la strada che collega la Planargia con il Marghine e la 131
© 2000-2020 Mediatica sas