Skin ADV
Sassari News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Sassari News su YouTube Sassari News su Facebook Sassari News su Twitter
Sassari NewsnotiziealgheroSpettacoloManifestazioni › FestivAlguer sonda dimensioni parallele
Red 3 dicembre 2019
“Un mondo, nessuno, centomila”: la 17esima edizione del Festival internazionale di arti performative, che andrà in scena ad Alghero da giovedì 5 a sabato 14 dicembre, inaugura la “(s)cena al buio” dello chef Francesco Pais. Da Davide Volponi un appello per l´ambiente
FestivAlguer sonda dimensioni parallele


ALGHERO - Inizia dal gusto e da un appello per l’ambiente il viaggio attraverso le dimensioni immaginarie, oniriche, fantastiche e sensoriali di “Un mondo, nessuno, centomila”, la 17esima edizione di “FestivAlguer”, il festival internazionale di arti performative che andrà in scena ad Alghero da giovedì 5 a sabato 14 dicembre. Gli organizzatori di “ExPopTeatro”, la direttrice artistica Valeria Ciabattoni ed i loro ospiti rendono protagonisti gli spettatori, costantemente stimolati ad interagire.

Grazie a teatro, musica, arte figurativa, poesia, linguaggio del corpo e sensi, la Torre di San Giovanni, l’ex mercato della frutta ed il Teatro Civico diventano laboratori di osservazione delle molteplici dimensioni di una quotidianità fatta di strati non sempre sovrapponibili e combacianti. L’inaugurazione gourmet della kermesse, sostenuta da Comune di Alghero e dalla Fondazione Alghero, è affidata allo chef Francesco Pais, dell'Osteria Mandras Lentas di Alghero. Giovedì, alle 19, la Torre di San Giovanni ospiterà “Dark dinner”: sarà servita una suggestiva cena al buio, per provare un’avventura culinaria sensoriale estrema. È necessario prenotare telefonando al numero 349/4127271 o inviando una e-mail expopteatro@gmail.com.

Il festival entrerà immediatamente nel vivo con “Tutto il paese è mondo”. Legno, ferro, plastica, segatura, stoffa e resti industriali di vario genere diventeranno protagonisti dell’installazione di Davide Volponi, allestita nella Torre di San Giovanni e visitabile fino a sabato 14 dicembre, dalle 17 alle 21.30. «Dedico la mia ultima creazione a un’emergenza mondiale – spiega Volponi – l’opera dell’uomo che sfrutta il territorio, il nostro mondo, senza pensare a un domani».L’artista parte dalla Sardegna e «attraverso la messinscena dei disastri creati dall’uomo creo un ponte col resto della terra – aggiunge –che perde identità, perché uguale a tanti altri mondi, solo apparentemente lontani». Secondo lui, «nessun mondo è possibile se consapevolmente non ci si ferma – chiude –non si riavvolge il nastro, non si riascolta e non si riosserva il percorso catastrofico intrapreso».
Commenti
10:20
Si tratta della più grande rassegna della cultura popolare catalana che ogni anno si tiene in una città europea. Si lavora per l´edizione di Alghero che dovrebbe far tappa nel mese di maggio 2020
15:44
Un’avventura musicale fatta di ricerca, promozione e produzione della musica più innovativa dell’Isola che, dopo lunghi anni di lavoro e sperimentazioni, esce dagli studi di registrazione e mette in vetrina i suoi artisti grazie alla prima edizione del “S’ard Festival 2019”
9/12/2019
Si corre verso il tutto esaurito a Olbia e in provincia per lo show annunciato del Capodanno in piazza con Elisa. I pochi hotel aperti già presi d´assalto e si prevedono affari anche per gli affittacamere e b&b
11/12/2019
Riapre la Casa Museo. Da domani a sabato, in programma a Ghilarza tre giornate di appuntamenti, mostre, dibattiti in memoria del grande intellettuale sardo. Tra gli ospiti Giovanni Maria Flick, Seba Pezzani, Sam Millar, Sahm Venter, Fabio Cavalli ed Antonio Gramsci jr. Nella giornata conclusiva. un raffronto con le Lettere dal carcere di Nelson Mandela
© 2000-2019 Mediatica sas