Skin ADV
Sassari News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Sassari News su YouTube Sassari News su Facebook Sassari News su Twitter
Sassari NewsnotiziealgheroSpettacoloConcerti › Musica: Nurchis e Cesaraccio ad Alghero
Red 22 ottobre 2019
Venerdì sera, nuovo appuntamento con la 29esima edizione della Rassegna internazionale organistica. In programma musiche barocche: Scarlatti (padre e figlio), Telemann, Geminiani e Krebs. La Rassegna è organizzata dall’Associazione culturale Arte in musica
Musica: Nurchis e Cesaraccio ad Alghero


ALGHERO - Ritorna dopo una breve pausa la 19esima Rassegna internazionale organistica con l’ultimo appuntamento della stagione. Venerdì 25 ottobre, alle ore 21, nella Cattedrale di Santa Maria, ad Alghero, l’organista Michele Nurchis e l’oboista Alberto Cesaraccio saranno protagonisti di un concerto dedicato interamente a composizioni del periodo barocco scritte da grandi nomi quali Alessandro e Domenico Scarlatti, Georg Philip Telemann e Francesco Geminiani.

La Rassegna è inserita nel cartellone del Festival del Mediterraneo 2019, organizzato e promosso dall’Associazione culturale Arte in musica, con la direzione artistica di Antonio Mura. Tutti gli eventi della kermesse godono del contributo e del patrocinio della Regione autonoma della Sardegna (Assessorato alla Cultura e Presidenza del Consiglio), della Fondazione di Sardegna e della Fondazione Alghero, affiancate dal Comune di Alghero e dalle diocesi di Sassari e di Alghero-Bosa.

Il concerto di Nurchis e Cesaraccio, dal titolo “Declinazioni barocche in Europa”, è inserito nella Rassegna internazionale organistica, che vede Ugo Spanu nel ruolo di coordinatore artistico. Saranno eseguiti, di Krebs, Corale n6: O Gott, du frommer Gott e Corale n8: Wachet auf, ruft uns die Stimme; di A.Scarlatti, Sonata I; di Sweelinck, Engelsche Fortuyn e Malle Sijmen; di Geminiani, Sonata in mi minore; di D.Scarlatti, Sonata pastorale K9 in re minore e Sonata K288 in Re Maggiore; di Telemann, Sonata in la minore. L'ingresso è libero.

Nella foto: Michele Nurchis ed Alberto Cesaraccio
Commenti
© 2000-2019 Mediatica sas