Skin ADV
Sassari News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Sassari News su YouTube Sassari News su Facebook Sassari News su Twitter
Sassari NewsnotiziealgheroSpettacoloConcerti › Musica: Stefano Pellini ad Alghero
Red 5 agosto 2019
Mercoledì sera, per la 19esima edizione della Rassegna internazionale organistica, nella Cattedrale di Santa Maria, il musicista eseguirà composizioni di Vivaldi, Bach, Haendel e Gluck. La rassegna organizzata dall’Associazione culturale Arte in musica si conferma vetrina dei massimi virtuosi dell’organo
Musica: Stefano Pellini ad Alghero


ALGHERO - Nuovo appuntamento, mercoledì 7 agosto, con la 19esima edizione della Rassegna internazionale organistica. Alle 21, nella Cattedrale di Santa Maria, ad Alghero, Stefano Pellini proporrà il concerto “Ai miei occhi e ai miei orecchi…”, un programma che comprenderà composizioni di grandi autori del XVIII Secolo, da Vivaldi a Bach, Haendel e Gluck, con un’incursione nel repertorio delle epoche successive.

La Rassegna è inserita nel cartellone del Festival del Mediterraneo 2019, organizzato e promosso dall’Associazione culturale Arte in musica, con la direzione artistica di Antonio Mura. Tutti gli eventi della kermesse godono del contributo e del patrocinio della Regione autonoma della Sardegna (Assessorato alla Cultura e Presidenza del Consiglio), della Fondazione di Sardegna e della Fondazione Alghero, affiancate dal Comune di Alghero e dalle Diocesi di Sassari e di Alghero-Bosa.

Per il concerto di mercoledì, inserito nella Rio, che vede Ugo Spanu nel ruolo di coordinatore artistico, Pellini ha preparato un programma di grande qualità: il “Concerto in Re maggiore Rv93” di Antonio Vivaldi, “Pieces for clay’s musical clock” di Georg Friedrich Haendel, “Valet will ich dir geben” Bwv736 di Johann Sebastian Bach, “Danza degli spiriti beati” di Cristoph Willibald Gluck (nella trascrizione di Marco Enrico Bossi) ed “Allegro” (dalla “Sinfonia n.2 op.20”) di Louis Vierne. L'ingresso è libero.

Nella foto: Stefano Pellini
Commenti
21/9/2019
Un progetto di recupero del patrimonio musicale di Pino Piras a trent’anni dalla sua scomparsa unisce due generazioni artistiche, rappresentate da Claudia Crabuzza e Pietro Ledda, in uno straordinario incontro che guarda lontano
© 2000-2019 Mediatica sas