Skin ADV
Sassari News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Sassari News su YouTube Sassari News su Facebook Sassari News su Twitter
Sassari NewsnotiziesassariCulturaTeatro › Ripartono le passeggiate di Enrico Costa
Red 4 luglio 2019
Nuovo appuntamento, domani sera, con il viaggio emozionale del Circolo culturale Aristeo alla riscoperta del centro storico e delle atmosfere d’epoca. Protagonisti Daniele Monachella e Gabriella Ferrandico
Ripartono le passeggiate di Enrico Costa


SASSARI - Ritorna il “viaggio emozionale” più suggestivo e coinvolgente alla riscoperta del centro storico di Sassari, delle sue atmosfere e della sua vivacità culturale ai tempi della Belle Époque. Domani, venerdì 5 luglio, alle 19, il Circolo culturale Aristeo propone un’accattivante edizione estiva delle “Passeggiate di Enrico Costa”, in una versione rinnovata per i 110 anni dalla morte del grande intellettuale. Lungo l’itinerario prestabilito, gli attori Daniele Monachella e Gabriella Ferrandico permetteranno di riapprezzare la magia dei luoghi e le ambientazioni dimenticate. Suoni, sapori e veri e propri squarci di vita tardo ottocentesca. La formula è quella della divulgazione diretta, attraverso animazioni teatrali di forte impatto emotivo, che riescono a trasmettere non solo le conoscenze, ma anche le sensazioni e le atmosfere dei luoghi di ispirazione o ambientazione letteraria. La partecipazione è libera ed aperta a tutti. La partenza è prevista in un luogo a dir poco simbolico, Piazza Azuni, che con le sue immediate adiacenze costituisce ancora oggi il luogo del terziario per eccellenza.

A margine di quel periodo, subì un sorprendente e rapido mutamento funzionale: con la demolizione della chiesa di Santa Caterina e di altri edifici di natura politico istituzionale, divenne spiazzo commerciale ed il più nobile ritrovo dei signori. Con i suoi caffè, gli alberghi ed i ristoranti, fu uno dei più rinomati salotti della città e meta delle personalità di spicco. Di fatto, il luogo per il quale sono maggiori gli spunti provenienti dalle ricerche di Aristeo, ricchi di valore evocativo e educativo. Il percorso si snoderà poi dietro le quinte della città vecchia, attraverso la declinazione di affascinanti aspetti storico-narrativi. Lungo le viuzze che costeggiano il piazzale, Enrico Costa passeggerà nei dintorni del “Circolo borghese”, l’antesignano dell’attuale “Circolo sassarese”, teatro di famose feste danzanti e ritrovo della “Sassari bene” del tempo. Poco distante, si potrà ammirare la splendida facciata del “Mobilificio Clemente”. In questa atmosfera coinvolgente, Costa ricorderà il suo vecchio amico Giuseppe Dessì, al quale dedicò versi ispirati: «Non ho che a chiuder gli occhi per vedere l'amico, per udire la sua voce, per sentirmelo al fianco. Lo vedo scantonare la Via Scano o il Portico del Carmelo, col suo lungo pastrano grigio, il cappello a cencio, il fazzoletto al collo e l'inseparabile bastone dal manico uncinato».

«Attraverso le Passeggiate, i luoghi divengono paesaggi della memoria e di una socialità mai perduta. Solo in questo modo si riesce a contagiare il senso di un posto attraverso il posto stesso e il contatto con le generazioni che ci hanno preceduto», sottolineano le organizzatrici. Questa edizione pone un ulteriore tassello verso la realizzazione di un sogno nel cassetto del Circolo Aristeo: la nascita del “Festival dei viaggi emozionali Genius Loci”. Inoltre, Enrico Costa sarà evocato dalle sagome lignee colorate e mute presenti lungo il percorso, con un richiamo delle réclames del tardo Ottocento. È quest’ultimo il canale di comunicazione privilegiato, con i giornali dell'epoca, per evocare la funzione di aggregazione socio-culturale e commerciale, scenario di un progetto partito nel 2004, con l’originale e pioneristica mostra en plein air “Impossibile concorrenza! Venite, osservate e comprate».
Commenti
20/9/2019
Il cartellone più ricco degli ultimi anni salutato dal primato di vendite. Aprirà “Il cappello di paglia di Firenze”, di Nino Rota, in prima esecuzione in Sardegna. Tornano “Pagliacci”, “La Cenerentola” ed “Il trovatore”, Chiuderà Francesco Demuro
18/9/2019
In programma ad Alghero, martedì 24 e mercoledì 25 settembre, due serate ad alto impatto emotivo, grazie alla collaborazione con Società umanitaria e con Sardegna teatro
© 2000-2019 Mediatica sas