Skin ADV
Sassari News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Sassari News su YouTube Sassari News su Facebook Sassari News su Twitter
Sassari NewsnotizieolbiaAmbienteCoste › Pulizia dei fondali a Golfo Aranci
Red 29 maggio 2019
4tonnellate di rifiuti portati via dal mare, tra cui barchini affondati, distrutti a seguito delle scorse mareggiate, pneumatici, vetro e plastiche di ogni genere, una batteria esausta, un manichino, barattoli, 500metri di cime, reti marciscenti, corrugati vari, tubi in pvc e lungarine in metallo, tappetini di ogni genere, un materassino in spugna: questo quanto recuperato dai partecipanti all´evento
Pulizia dei fondali a Golfo Aranci


GOLFO ARANCI - Successo inaspettato per la giornata ecologia di pulizia dei fondali che si è svolta nel Porto pescherecci e lungomare di Golfo Aranci, organizzata dall’Ufficio Circondariale marittimo di Golfo Aranci al Comando del tenente di Vascello Angelo Filosa. e dal Comune di Golfo Aranci, con la preziosa collaborazione della Lega navale. Questi i numeri: sessantacinque sub/sommozzatori ed apneisti volontari, sessanta volontari a terra, dieci uomini della Guardia costiera per la sicurezza degli operatori, una pattuglia della Stazione Carabinieri di Golfo Aranci, cinque mezzi marini per la raccolta dei rifiuti, una motovedetta della Guardia costiera di Golfo Aranci, due autocarri per la raccolta dei rifiuti.

Ma soprattutto 4tonnellate di rifiuti portati via dal mare, tra cui barchini affondati, distrutti a seguito delle scorse mareggiate, pneumatici, vetro e plastiche di ogni genere, una batteria esausta, un manichino, barattoli, 500metri di cime, reti marciscenti, corrugati vari, tubi in pvc e lungarine in metallo, tappetini di ogni genere, un materassino in spugna, ecc. L’operazione è stata orientata all’educazione ambientale, affinché chi usufruisce del mare impari a non inquinarlo e quello che si è avvertito è stato il calore dei volontari, animati dall’entusiasmo, e soprattutto dei passanti e turisti che si complimentavano per l’ottima riuscita dell’operazione di pulizia. Il mare in Sardegna rappresenta la risorsa primaria per le attività turistiche ed ittiche, ma soprattutto per l’equilibrio di un ecosistema marino che ancora riesce a rigenerarsi e dare ricchezza d’animo a chi vive il mare.

Questo hanno potuto apprezzare gli operatori che si sono prodigati nel rimuovere i rifiuti abbandonati in mare e molti sono stati gli incontri dei subacquei: polpi, stelle marine, ricci, pagelli, calamari e granchi: il vero spettacolo dei fondali di Golfo Aranci. L’attività è stata impegnativa e piacevole allo stesso tempo, il tutto coronato da un momento finale conviviale e di incontro tra gli operatori, adulti, bambini ed anziani, generazioni vecchie e nuove allevate dal mare. Nelle varie operazioni ambientali, si è giunti a liberare il mare da quasi 10tonnellate di rifiuti. Grande soddisfazione per la Guardia costiera di Golfo Aranci, ma grande delusione per “l’uomo”, che continua ad inquinare ed a sfruttare in modo indiscriminato una risorsa non rinnovabile come il mare. Durante l’attività ambientale, la motovedetta ha anche operato un sequestro di quindici nasse posizionate abusivamente di fronte al lungomare di Golfo Aranci. In questo caso, è stato elevato un sequestro ed una sanzione di mille euro.
Commenti
© 2000-2019 Mediatica sas