Skin ADV
Sassari News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Sassari News su YouTube Sassari News su Facebook Sassari News su Twitter
Sassari NewsnotiziesassariSpettacoloConcerti › Il Concerto di Pasqua al Canepa
Red 12 aprile 2019
Questa sera,il Duomo di San Nicola, ospiterà il concerto di sei solisti, del Coro da camera e dell´Orchestra del Conservatorio sassarese. In programma, tra i capolavori del barocco italiano, una chicca assoluta: la prima esecuzione in tempi moderni di un´antica partitura del compositore Felice Doria
Il Concerto di Pasqua al Canepa


SASSARI - Sei solisti, il Coro da camera e l'Orchestra del Conservatorio: anche quest'anno, il Canepa ha concentrato le sue energie e competenze artistiche per offrire alla città una solenne riflessione musicale in occasione delle festività pasquali. La nuova produzione dell'istituzione musicale sassarese vede coinvolti allievi e docenti del Canepa per il tradizionale appuntamento con il Concerto di Pasqua, aperto a tutta la città, che quest'anno si svolgerà oggi (venerdì), alle 20.30, nel Duomo di San Nicola. In programma, due ampi affreschi musicali del repertorio barocco italiano, con la sorpresa della “chicca” di una prima esecuzione in tempi moderni. Il programma della serata, infatti, si aprirà con la “Cantata a tre voci sopra la nascita della Beata Vergine”, scritta dal compositore Felice Doria. attivo nella Roma settecentesca, che utilizzava il tipico linguaggio virtuosistico e “maraviglioso” degli stilemi operisitici barocchi, che dominarono la musica di tutta Europa, musica sacra compresa.

Si tratta, dunque, di una partitura recuperata per l'occasione che ripercorre le virtù della pace, dell'innocenza e della giustizia impersonate dalle voci soliste (Valentina Satta soprano, Anna Maria Amato contralto ed Enrico Busia tenore) impegnati nella consueta alternanza di arie (a solo, a duo), recitativi e parti corali. A seguire, un capolavoro molto amato dal pubblico per la sua magniloquente brillantezza, il “Gloria in re maggiore Rv589”, per soli, coro ed orchestra di Antonio Vivaldi. Questa partitura è senz'altro una delle pagine più avvincenti e conosciute del musicista veneziano: l'organico prevede un coro a quattro parti, due soprani, un contralto, oboe, tromba, archi e basso continuo.

I cantanti solisti saranno Cristina Raiano (soprano primo), Claudia Spiga (soprano secondo) Lara Rotili (contralto), poi agirà il Coro da camera del Conservatorio (preparato da Clara Antoniciello e Stefano Bommino), in collaborazione con la Corale Rossini di Sassari (diretta da Clara Antonicello), ed infine, l'Orchestra del Conservatorio, sotto la direzione di Andrea Raffanini. Il testo del Gloria è organizzato in dodici sezioni, che si alternano in una varietà di forme, di tempi, di ritmi, di tonalità e di organico: brani solistici nello stile dell'aria, strumenti concertanti, cori omofonici, contrappunti, ritornelli nello stile del Concerto, la cui successione è avviata dall'incalzante e trionfale introduzione orchestrale su un tema incisivo e ritmico. L'unitarietà del lavoro viene garantito dalla ripresa, nel penultimo movimento, dello stesso tema iniziale in una sorta di circolarità strutturale.
Commenti
21/9/2019
Un progetto di recupero del patrimonio musicale di Pino Piras a trent’anni dalla sua scomparsa unisce due generazioni artistiche, rappresentate da Claudia Crabuzza e Pietro Ledda, in uno straordinario incontro che guarda lontano
© 2000-2019 Mediatica sas