Skin ADV
Sassari News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Sassari News su YouTube Sassari News su Facebook Sassari News su Twitter
Sassari NewsnotizieoristanoPoliticaAmbiente › Cambiamenti climatici: rete regionale
Red 21 gennaio 2019
«Nasce una rete regionale di giardini fenologici, fondamentale strumento di monitoraggio», annuncia l´assessore regionale della Difesa dell´ambiente Donatella Spano
Cambiamenti climatici: rete regionale


SORRADILE - «La rete regionale di giardini fenologici che la Sardegna sta realizzando a partire da Sorradile e che si estenderà anche a Desulo e Tissi, fornirà un significativo apporto nelle azioni di contrasto al mutamento climatico: un vero e proprio strumento di monitoraggio dei fenomeni meteoclimatici grazie ai dati che verranno raccolti nel tempo dall'analisi dello sviluppo vegetativo. Con la nascita del “Giardino fenologico europeo” di Sorradile, infatti, stiamo gettando le basi per un significativo contributo all'intera rete europea e per una migliore qualità di vita della popolazione residente». Lo ha detto l'assessore regionale della Difesa dell'ambiente Donatella Spano, intervenendo alla presentazione del progetto “Cultivar” per la realizzazione del Giardino fenologico, organizzato dal Comune di Sorradile in collaborazione con l'Agenzia regionale per la protezione dell'ambiente della Sardegna.

La rete regionale, che partirà da Sorradile con la preziosa collaborazione dell'Arpas, risulta composta da giardini localizzati in contesti territoriali rappresentativi distinti, uno in pianura, uno in collina e l’altro in montagna. «Il costante monitoraggio previsto nella rete ci permetterà anche di tenere sotto controllo le minacce derivanti dalle specie aliene invasive e dall’incremento di patogeni - ha proseguito Spano - L’attività di raccolta dati realizzata dall’Arpas consentirà la precoce individuazione delle emergenze, dei rischi di espansione e la pianificazione di interventi correttivi in tempi rapidi». A causa della vulnerabilità di tutta l’area mediterranea, la Regione autonoma della Sardegna ha rafforzato tutte le politiche di contrasto ai mutamenti climatici. «Durante il mio mandato – ha affermato l’assessore – è sempre stato fortissimo l’impegno delle politiche regionali per la tutela della biodiversità, attraverso azioni mirate al mantenimento e la valorizzazione del patrimonio boschivo (rilanciato anche dalla legge forestale regionale) e all’estensione della rete Natura 2000. Il Mediterraneo è tra le regioni più vulnerabili per gli impatti dell’aumento delle temperature, con ripercussioni su siccità e incendi, e per la crescita dell’intensità e frequenza degli eventi meteorologici estremi che la nostra isola ha registrato specialmente negli ultimi anni, come nel caso della grave siccità del 2017 e dei fenomeni alluvionali dei mesi scorsi».

La titolare dell'Ambiente si è congratulata con il sindaco Pietro Arca e con la comunità di Sorradile, «un Comune pioniere nel portare avanti dei progetti dall’alto valore ambientale e primo in Sardegna ad essersi dotato di un proprio Piano di adattamento ai cambiamenti climatici, a marzo 2017». L’intervento di rigenerazione del paesaggio del Lago Omodeo può dare un contributo essenziale anche alla fruizione turistico-ricreativa del territorio. «Plauso al Comune di Sorradile per aver inserito i temi ambientali e climatici nella progettazione territoriale. Inoltre, il turismo attivo costituisce anche una modalità di educazione ambientale, la più efficace poiché basata sull’esperienza». Vediamo come nuove modalità di occuparsi della sostenibilità ambientale dei nostri territori costituiscano occasione per la creazione di nuove opportunità lavorative unendo l’educazione ambientale, la fruizione e la ricerca. «I cosiddetti “green jobs” necessitano di un nuovo tipo di formazione che richiede capacità nuove, legate all’ambiente e alla sostenibilità ambientale. Per questo, stiamo chiedendo con forza al ministro dell’Ambiente affinché intervenga assieme al ministro della Pubblica istruzione e del lavoro per adeguare il sistema scolastico a questa necessità», ha concluso l’assessore, invitando gli amministratori presenti a dare continuità alle azioni intraprese, che potranno essere valorizzante anche a livello internazionale grazie all’inserimento nella rete fenologica europea.

Nella foto: l'assessore regionale Donatella Spano
Commenti
22/8/2019
Questa mattina, è stato trasferito l’ulivo secolare che da Via Garibaldi ha trovato sede di fronte allo Scalo Tarantiello, nella parte iniziale di Via Sassari. La pianta è stata messa a dimora in una porzione dell’aiuola appositamente predisposta
© 2000-2019 Mediatica sas